Libri

POESIE  
SAGGISTICA
INTERVISTA
Da Kljaz’ma e Jauza
Da La rosa canina
Da Tristano e Isotta  
Vecchi canti
Da Porte, finestre, archi
Da Giambo
Viaggio in Cina
Da Libro che non finito
Da Canto serale
Elegie
Da L’inizio del libro
Da Tristano e Isotta
(1978-1982)
4. Il figlio delle muse
E strane immagini
or fanno ingresso dalle porte chiuse,
si daranno un nome
e a me daranno un compito.
E verseranno ingenua la mia mente
come sabbia di mare,
ninnandola come fosse una culla
o intrecciandola a guisa di paniere.
E chiederanno:
che vedi?
E io dirò:
io vedo, come
s’infrangono le onde sulla riva.

S’infrangono le onde, senza fine,
alta l’onda si leva –
scrigno all’anello più prezioso
e cantina custode dei vini.
Inghiotta le visioni sue il profondo,
rombante come stufa,
e si porti via –

dove?
dove guardano gli occhi,
dove comandano –
il mio spirito, dove?
Come posso saperlo, dove.
Perché l’abisso meglio di un pastore
pascola le sue greggia:
invisibili a tutti,
scorazzano pei colli,
sfavillan come stella.
Il loro fitto rintoccare,
la loro lattea via
come mercurio si disperde,
e dilaga fin qua –

perché misero è il popolo e scarno il nostro dire,
perché tutto qui giunge e il mondo ci ha respinto. –

Come buttò l’anello Policrate
per vincere il destino:
chi d’essere povero
e chi d’aver ricchezze,
chi d’andare in guerra
o di pascer gli armenti –
ma cento volte più prezioso
è quel, che ti ritorna indietro,
minuscolo granello.

Prendi il tuo anello, Policrate,
non per questo hai vissuto.
Chi di più ha lasciato,
questi è più caro agli uomini.
E nelle ulcere nere, e nei peccati
ricrea – in anneriti focolari
pur lo stesso calore, lo stesso bagliore,
dei natii cieli l’allegro crepitare.

S’infrangono le onde, senza fine,
alta si leva l’onda –
scrigno all’anello più prezioso
e cantina custode dei vini.
Quando le sue visioni inghiotte il profondo,
diremo:
non c’è nulla da perdere! –
ed esso lo conferma.

E i morti non turba
l’accidentale povero ardore –
son loro a suggerirgli
quel che ha dimenticato.
Lasciati i loro affanni,
si affollano alle porte,

con racconti, coi quali
si trascorre il Natale –
parlan d’oro e di gemme,
della luce che sorge dal niente.
Traduzione di Giovanna Parravicini
 4. Il figlio delle muse
12. Parla l’eremita
Copyright © Sedakova All rights reserved >UP >A SOSTENERE IL SITO > Design Team Partner >